Foglie di Terra e di Suono, scultura sonora con lastre di terracotta e suoni elettronici (2009) 

Le sculture di Debora Mondovì si integrano con la musica di Silvia Lanzalone nell’intento di creare un equilibrio tra i materiali, le forme, la musica e lo spazio. L’installazione Foglie di Terra e di Suono è composta da quattro strutture scultoree ispirate alla forma degli alberi che compongono un ambiente immaginario entro il quale il pubblico può muoversi ed interagire.
Sottili lastre di terracotta sono sospese alle strutture in metallo e costituiscono l’elemento con cui il pubblico entra in relazione e da cui riceve informazioni sonore. La dimensione sonora si integra a quella visiva in quanto i suoni provengono direttamente dalle lastre di terracotta e sono stimolati dalla distanza o dal contatto che il pubblico stabilisce con esse.
Le Foglie di Terra e di Suono sono le lastre di terracotta decorata e sono gli episodi musicali provenienti dalle forme, dai materiali, dall’ambiente e dai movimenti del pubblico, che creano percorsi espressivi strutturati secondo un principio di continuità tra la percezione visiva e quella sonora. La musica respira e si rinnova in relazione al modo in cui il pubblico fruisce dell’opera ed interagisce con lo spazio che lo circonda.
L’opera è costituita 4 strutture costituite ciascuna da:
- 1 base in ferro (altezza 10 cm, larghezza 20 cm, lunghezza 1 m, peso 25 Kg circa cad.): su di esse potrà essere posta della terra;
- 6 aste di ferro (altezza 2,5 m) inserite nella base di ferro;
- 6 lastrine di terracotta (grandezza variabile tra 10X20 e 60X30 cm) dipinte e decorate a mano, sospese ciascuna ad una delle 6 aste tramite un filo di nylon e corde di canapa. 


Durata
illimitata


Esecuzioni / Performances

EmuFest – International Music Festival 2009. Opera scultorea in terracotta Debora Mondovì, Musica e installazione sonora Silvia Lanzalone. Foyer della Sala Accademica, Conservatorio S. Cecilia di Roma, 08-19.11.2009.


© Silvia Lanzalone 2019